ePrix di Roma: intervista a Roberto Diacetti

ePrix di Roma: intervista a Roberto Diacetti

By:
1783

Abbiamo avuto il piacere di intervistare Roberto Diacetti, presidente di EUR SpA e personaggio chiave nella macchina organizzativa che ha portato la Formula E a Roma. Mancano ormai pochissimi giorni all'ePrix di Roma che si svolgerà il 14 Aprile su un circuito realizzato per le strade di Roma e del quartiere EUR in particolare.

BlogFormulaE: Roma offrirà una cornice splendida ad un evento di un campionato che riscuote Gran Premio dopo Gran Premio sempre maggiori consensi. Quando si è avvicinato per la prima volta alla Formula E?

R.D.: La formula E è un modo innovativo di vivere l’automobilismo. Era il 2016, ero a Londra nel paddock dell’E-Prix e non si parlava ancora della possibilità di poter inserire una tappa italiana nel calendario delle monoposto elettriche. Non sembrava possibile anche per un problema di costi, che allora si riteneva dovessero essere a carico dei promoter. In quell’occasione incontrai Alejandro Agag, l’A.d. di Frormula E, al quale, parlando delle potenzialità e dell’unicità di Roma, prospettai l’idea di realizzare un circuito cittadino proprio all’Eur, il volto più internazionale e innovativo di Roma. Due anni dopo a Ginevra la FIA ufficializzava Roma e l’Eur come settima tappa del campionato mondiale 2017-2018, cominciato il 2 dicembre scorso ad Hong Kong.


BlogFormulaE: Il 14 Aprile 2018 le strade di Roma ospiteranno un ePrix di Formula E. Come si trasforma un'idea brillante in un evento di successo? Quali sono stati i passi per arrivare a questo accordo e le altre persone che hanno contribuito a renderlo reale?

R.D.: In questi due anni è stato svolto un importante lavoro che è cominciato col rendere possibile e garantire che fosse un evento con una produzione totalmente privata e dunque senza l’impiego di risorse pubbliche.
In molti in verità ci avevano provato. Più di un tentativo è stato fatto negli ultimi anni per inserire Roma tra le capitali dell'automobilismo mondiale. Fino a quando, grazie anche ad un proficuo lavoro di squadra, che ha visto impegnate tutte le componenti politiche, amministrative, sportive, siamo riusciti a determinare le condizioni giuste che tra meno di tre mesi porteranno il grande spettacolo delle vetture 100% elettriche a sfrecciare sul circuito cittadino dell'Eur, tra i capolavori dell'architettura razionalista, di fronte al Roma Convention Center La Nuvola, il segno contemporaneo di Roma che ospiterà l’e-Village e sarà la casa della Formula E.
Dunque, un’intuizione vincente e un grande lavoro di squadra innanzitutto con l’Amministrazione capitolina, gli organizzatori e con l’Aci, sono stati gli ingredienti che hanno reso possibile quello che sembrava irrealizzabile.

BlogFormulaE: In termini di costi e ricavi quale sarà la posizione dell'EUR?

R.D.: EUR non sosterrà alcun costo. Nessuna cubatura verrà realizzata. Fornirà supporto logistico con il patrimonio immobiliare: parchi e strutture congressuali, che verranno promosse in un circuito che conta 190 milioni di spettatori nel mondo. Non solo un grande evento sportivo, ma anche straordinario veicolo di promozione per i nostri asset congressuali, che è iniziato ad Hong Kong, tappa di partenza del campionato mondiale e si concluderà, dopo aver attraversato i 5 continenti. Avremo invece una fee concordata sui ticket (35 euro il costo per gli adulti e 1 euro per gli spettatori sotto i 16 anni), la cui vendita, partita lo scorso 18 dicembre, ha già fatto registrare il sold out. Stiamo lavorando con Formula E per aumentare la capacità di posti disponibili, visto il grandissimo interesse che ha portato al tutto esaurito in poche settimane.

BlogFormulaE: Queste monoposto sono esteticamente splendide, futuristiche ed eleganti, ed il contrasto tra il futuro che rappresentano e la bellezza storica di Roma è forse uno dei fattori più affascinanti. Vede Roma capitale del futuro?

R.D.: La formula E e l’Eur hanno indubitabilmente valori comuni. Un evento sportivo, che promuove valori per noi molto importanti: internazionalità, innovazione, tecnologia e sostenibilità. I valori su cui stiamo puntando per affermare il nuovo brand. L’Eur del resto è sempre stato un luogo aperto all’innovazione e al cambiamento. Lo dimostra la sua storia, capace di esprimere un’identità forte, pur con linguaggi nel tempo assolutamente diversi, ma improntati alla bellezza e alla contemporaneità.

BlogFormulaE: La risposta della gente a questo evento è stata straordinariamente positiva. Esiste però una piccola fetta di romani preoccupati per l'eventuale caos che potrebbe bloccare Roma per qualche giorno. Cosa prevede la macchina organizzativa?

R.D.: Roma Capitale, intendendo gli assessorati allo Sport e Grandi eventi, quello alla Città in Movimento, i tecnici degli Uffici di Roma Capitale per la mobilità e il Municipio IX, stanno lavorando da tempo ad un piano che riduca al minimo le criticità.
Lunedì scorso infatti i mobility manager delle aziende del quartiere Eur, sono stati convocati in Campidoglio per un tavolo sulle strategie di impatto della viabilità e mobilità durante l’evento della Formula E. Dunque mi sembra che vi sia grande attenzione da parte dei soggetti preposti alla gestione del traffico e della mobilità.

BlogFormulaE: Parliamo un po' del circuito. Come è stata fatta la scelta delle strade che costituiranno il tracciato? Ci consenta una battuta... almeno le strade del circuito saranno prive di buche?

R.D.: Quando si parla di legacy di un evento, si intende ciò che l’evento lascerà alla Città. Colonnine di ricarica elettriche a parte, senza dubbio le condizioni delle strade interessate dal E-Prix saranno più che eccellenti, diciamo “da gara”. A monte della decisione di inserire Roma, con il circuito cittadino dell’Eur, nel calendario ufficiale della FIA è stato realizzato uno studio di fattibilità, che abbiamo fortemente voluto e che ha dato i suoi esiti. C’erano le condizioni, la larghezza della sede stradale e il circuito veloce. Uno dei circuiti che i piloti che lo hanno testato attendono con maggiore interesse, perché considerato molto tecnico e al contempo molto divertente.

BlogFormulaE: Presidente, oltre alla sua sensibilità per la mobilità sostenibile, dietro questo importante accordo esiste una passione nei confronti del mondo delle corse?

R.D.: La Mobilità sostenibile deve certamente essere un tema centrale per le agende delle città internazionali, come pure per Roma. Il mio rapporto con il mondo del grande sport è un rapporto di lungo corso, che mi ha portato ad essere Direttore Generale del comitato organizzatore dei Mondiali di Nuoto ’09. L’automobilismo è un settore sportivo che apprezzo e che ho sempre seguito solo da appassionato. Naturalmente sono felice di poter essere tra i promotori e partner del primo EPrix di Roma.

BlogFormulaE: Lo scorso anno ha frequentato box e paddock di alcuni Gp di Formula E, quale è stato il personaggio che l'ha colpita maggiormente?

R.D.: Senza dubbio Alain Prost, uno dei più grandi campioni dell’automobilismo, una leggenda e un personaggio carismatico, che con il suo team “e.DAMS-Renault”, in cui tra l’altro corre come secondo pilota suo figlio Nicolas Prost, ha dominato vincendo negli ultimi il titolo costruttori.

BlogFormulaE: Alcuni pensano che l'evento in Formula E potrebbe essere un banco di prova per un Gp di Roma in Formula 1. Avete mai realmente valutato questa ipotesi?

R.D.:  Non è nelle nostre prerogative. Per quanto mi riguarda l’obiettivo è di portare l’Eur e Roma al centro di un progetto più ampio di valorizzazione dei plus che questo ambito cittadino può offrire: un polo congressuale tra i più importanti nel mondo, un’offerta museale implementata grazie al nuovo Museo delle Civiltà, una ricca offerta di entertainment e di attività leisure, capace dovrà essere sempre più capace di coniugare la bellezza con progetti sulla mobilità sostenibile.

BlogFormulaE: Grazie ancora, ci vuole salutare con un augurio

Beh, come diceva Steve Mc Queen, uno che della velocità ha fatto uno stile di vita: “ La corsa è vita, il resto è solo attesa”.



Commenti
- BlogFormulaE.it
Abbiamo avuto il piacere di intervistare Roberto Diacetti, presidente di EUR SpA e personaggio chiave ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community Blog Formula E.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community BlogFormulaE.it